La Maestria


Mastery

Rivelato al Messaggero di Dio
Marshall Vian Summers
il 15 Gennaio, 1988
in San Francisco, California

Informazioni riguardo a questo testo


Quello che state leggendo in questo testo è la trascrizione della voce originale della Assemblea Angelica così come ha parlato tramite il Messaggero Marshall Vian Summers.

Qua, la comunicazione originale di Dio, che esiste al di là delle parole, è tradotta nel linguaggio e nella comprensione umana dall’Assemblea Angelica che veglia sul mondo. Poi l’Assemblea consegna il Messaggio di Dio tramite il Messaggero, dopo di che, la comunicazione è trascritta e resa disponibile a voi e a tutto il mondo.

In questo notevole processo, la Voce della Rivelazione sta parlando di nuovo. La Parola e il suono della Voce sono nel mondo. Possiate voi essere i destinatari di questo dono di Rivelazione e possiate essere aperti a ricevere il suo Messaggio unico per voi e per la vostra vita.


Commenta‘La Maestria’ nel Worldwide Community Site (registrazione gratuita)

Mastery


Nota per il Lettore:
Questa traduzione è stata fornita a The Society da uno studente del Nuovo Messaggio che si è offerto volontario per tradurre il testo originale in Inglese. Noi rendiamo questa traduzione disponibile al mondo in questa forma iniziale affinché le persone abbiano la possibilità di interagire con una porzione del Nuovo Messaggio nella propria lingua.

Vorrei parlare della maestria – dell’apprendimento, della preparazione e della coltivazione dell’esperienza della Conoscenza. La maestria è diventata un argomento molto popolare. È promessa come il risultato di molti programmi di studio spirituale attualmente disponibili, e le persone hanno grandi aspettative su se stesse, sui processi educativi e sui loro insegnanti a questo proposito. Questo è un peccato perché vi avvicinate ai rapporti con gli insegnanti con idee davvero grandiose su di loro, e parte del vostro apprendimento è il vostro disappunto quando scoprite che sono persone reali come voi. La maestria è molto relativa in questo mondo. Sarebbe più saggio diventare esperti piuttosto che maestri, perché un maestro nel mondo è un profondo principiante, un novizio, nella vita a venire. Allora, come si fa a determinare chi è il maestro, chi è più colto e chi ha maggiore abilità se la maestria nel mondo è noviziato nel mondo a venire?

Il grande abisso tra voi e Dio deve essere colmato dalla realtà. Si parte sempre dal presupposto che ci siete voi e che c’è Dio, che siete piccoli e che Dio è grande. Ma tra voi e Dio c’è tutta l’evoluzione della vita, una vasta rete di relazioni in espansione. È attraverso questa rete che dovete passare. È all’interno di questo tessuto che dovete diventare intrecciati. Dio non vi aspetta per incontrarvi quando scendete dal treno. “Bentornato a Casa!” Non è così. Sarebbe più preciso dire che passate al vostro prossimo incarico, ma suona troppo formale. In sostanza, fate semplicemente il passo successivo. Poi iniziate a comprendere la vita su una scala più grande di quanto possiate percepire qui, e avete con voi insegnanti e studenti che vi aiutano a svolgere i compiti successivi.

Allora, cosa significa diventare un maestro? Perché diventare un maestro? Chi ha più maestria tra di voi? Queste sono domande valide. Una delle nostre prime lezioni per voi è imparare che non ci sono maestri che vivono nel mondo. Questo è molto importante! Non ci sono maestri che vivono nella carne. Ci sono grandi studenti, ci sono studenti competenti, ma non ci sono maestri. Abbandonate la ricerca della maestria. Diventate esperti. Non scoraggiatevi cercando di afferrare ciò che è al di là del vostro regno. Il mondo è un posto per lavorare, per dare e per ricevere. Non è un contesto per la maestria. Gran parte della padronanza del mondo sarà inutile quando passerete oltre, e poiché questa vita è la preparazione per la vita oltre, è importante avere questa prospettiva riguardo a queste cose.

La ricerca della maestria porta alla delusione. Questa delusione può rivelare una verità più grande o può scoraggiare del tutto. Poiché non vogliamo scoraggiarvi nella vostra ricerca della Conoscenza, vogliamo rendere la vostra ricerca più genuina, più compassionevole e più benevola. Siamo maestri rispetto a voi, ma ci sono maestri più grandi di noi che non servono questo mondo. Essi hanno semplicemente un ambito più vasto di responsabilità – quella è maestria.

Con il desiderio di essere maestri c’è la ricerca del potere, la fuga dal dolore e l’acquisizione permanente del piacere. Non dominerete il mondo, ma potrete dargli qualcosa. Ciò che portate, lo portate da oltre questo mondo e ciò che portate, il mondo non può corrompere. Con il vostro dono al mondo, che trova la sua espressione attraverso di voi, arriva il ricordo della vostra vita al di là di questo mondo, e questo comincia a liberarvi dalla paura.

Questa è la Conoscenza. È l’aspetto della mente che avete portato con voi da oltre [questo mondo]. Non ha nulla a che fare con le vostre vite passate. Non ha nulla a che fare con la vostra memoria. È semplicemente la parte di voi che non si è mai separata nella vita. Ora è dormiente perché non può essere attivata prima che raggiungiate la maturità in questa vita. Pertanto, la priorità per gli esseri umani è di diventare abbastanza maturi da costruire le fondamenta affinché la Conoscenza possa emergere ed esprimersi. Questo merita una riflessione.

La maestria non è avere informazioni su tutte le cose e su tutte le persone. La maestria non significa essere completamente liberi dalla paura. La maestria non è l’assenza di ansia. La maestria non è una questione di ricchezza e potere. I veri progrediti possono non avere ricchezza e potere. Possono non apparire come persone con un comportamento esemplare. Possono non apparire liberi dalla paura. Anzi, raramente appariranno del tutto! Non cercano la gloria o la conferma degli altri.

Vogliamo chiarire completamente questa questione della maestria, perché così può accadere qualcosa di importante. Se siete certi che ciò che perseguite nella vita è la maestria, allora la vostro prima compito è quello di confondervi perché il vostro obiettivo non è reale. Anche se forse non avete mai pensato di essere un maestro, fa comunque parte della vostra ambizione. Potete chiamarla in un altro modo. Nella sua essenza, è il desiderio di essere Dio senza Dio, di replicare il Regno di Dio in esilio, un esilio che avete scelto. Questo è il vostro intento, ma non è la vostra Conoscenza, perché la vostra Conoscenza ha portato qui il Regno. Il mondo è prevalentemente un luogo dove le persone vogliono essere Dio senza Dio.

Ma una volta che la Conoscenza emerge, tutte le altre ambizioni cominciano semplicemente a svanire perché sono inutili e causano conflitto. La conoscenza è il fattore unificante in voi. È Dio che lavora nella vostra vita, e siete anche voi.

La maestria è qualcosa che si esprime attraverso di voi quando non state cercando di fare nulla della vostra vita. La maestria ha un suo disegno e una sua direzione e un suo tempo per esprimersi. Non ci sono individui magistrali. Capite? Non ci sono maestri. Ci sono solo veicoli di espressione. La maestria è qualcosa che funziona attraverso di voi. La vostra preparazione consiste nel diventare un veicolo per essa, di costruire una base per lasciare che la Maestria costruisca qualcosa su di voi e dentro di voi. Poi c’è la libertà dalla perfezione. Molte persone si stanno uccidendo per diventare perfette, cercando di avere menti perfette, corpi perfetti, relazioni perfette, relazioni perfette, tutto perfetto. Non un difetto, niente che possa turbare la perfezione. Queste persone soffrono molto perché vivono in un mondo che è molto coinvolto nell’errore, che cambia continuamente e che ha delle apparenze molto grossolane. La maggior parte delle persone se ne frega comunque della perfezione, quindi trovano ben poco riscontro, e la vita erode costantemente il loro assetto perfetto.

La vita non consiste nel diventare perfetti. Si tratta di diventare veri. Si tratta di stabilizzare la vostra mente e i vostri affari e di cominciare ad aprirvi a una Realtà Superiore che desidera esprimersi attraverso di voi. Non potete controllare il meccanismo per farlo. Non potete determinare il suo esito. Non sapete dove vi porterà, chi porterà nella vostra vita e chi manderà via. È misterioso, eppure con il Mistero potrete partecipare alla vita con tanta certezza e conferma. Sarete molto più certi di questo Mistero che di tutto ciò che potrete percepire intorno a voi: la vostra società, la vostra economia, la vostra salute fisica. Tutti questi sono così mutevoli, ma il Mistero di cui parlo è saldo e consolidato. È in perfetta quiete perché non sta cambiando. Semplicemente si esprime in condizioni mutevoli. Non cambia, eppure muove le cose. Non sta crescendo. Non è in divenire. Ecco perché è così calmo e perché dovete diventare calmi per poterne fare un’esperienza diretta.

Dunque, vogliamo liberarvi dalla maestria e dalla perfezione. Questo vi apre la strada per diventare veri studenti della Conoscenza e veri contributori nella vita. Troverete che questa sfida è sufficiente. Allora sarete in grado di essere persone reali in un mondo reale con sentimenti reali e una comunicazione onesta con gli altri. E ogni premessa per condannare cadrà perché, vedete, se non giudicate gli altri, li amate. Se non avete criteri per giudicarli, allora è più facile amarli. Ma se state puntando alla perfezione, allora chiunque passerà o non passerà il vostro esame.

La vostra energia è necessaria per la preparazione, e ciò per cui vi state preparando è una libertà di natura molto sostanziale. Ciò per cui vi state preparando è il contributo e la soddisfazione. Quindi, mettiamo da parte la maestria. Non cerchiamo di diventare maestri. Forse un giorno qualcuno verrà da voi e vi dirà: “Voi siete il nostro maestro”. E voi direte: “Oh,” incerto se sia una cosa buona o no. La gente vi chiamerà maestri, ma voi non cercherete di diventarlo, e non sarete così sicuri che sia una buona cosa che vi chiamino così per le aspettative che ne derivano.

Dimostrare il potere nel mondo è estremamente pericoloso. Ecco perché i Saggi lo fanno raramente, e se lo fanno, è solo in determinate circostanze. Se dicessimo: “Se raggiungi la grandezza, dovrai nasconderla”, questo ti scoraggia dal raggiungere la grandezza? Se dico: “Se avete il potere, dovrete nasconderlo”, questo vi scoraggerà dal cercare il potere? Colui che è veramente avanzato lavora nel mondo dietro le quinte, attirando l’attenzione il meno possibile. Occasionalmente, alcuni diventeranno più visibili per dare contributi specifici. Possono essere nel campo dell’educazione o della politica o in qualsiasi altro campo. Sono disposti a farsi carico dello scrutinio del mondo e di tutte le sue disgrazie perché questa è la loro chiamata. Ma sono l’eccezione e non la regola.

A un certo punto, che siate d’accordo o meno con le mie parole, vi sentirete molto confusi sul perché state portando avanti tutta questa crescita personale. Diventerete molto confusi perché non è giustificata in base alle ragioni che avete in mente. La vostra vita sta migliorando per certi aspetti e diventa più difficile in altri. Sta diventando un po’ più difficile tollerare le difficoltà del mondo perché siete più sensibili, eppure sembrate più padroni dei vostri pensieri e dei vostri sentimenti e più tolleranti nei confronti degli altri. A un certo punto questo diventa molto disorientante, e questo è un punto molto importante perché qui iniziate a discernere la realtà riguardo alla vostra ricerca.

La chiamata è l’attivazione della Conoscenza. Questo è ciò verso cui tutti si muovono perché è la liberazione dal dolore. È la liberazione dall’ambivalenza, che è dolore. È la liberazione dalla scelta. È la liberazione dal conflitto. Qui la vostra vita diventa uniforme. Ha uno scopo e una direzione. Ha relazioni vere. Si muove e si può discernere la sua direzione e il suo movimento. Siete testimoni della vostra vita, piuttosto che cercare di esserne il padrone.

Vi racconterò una storia. Molto tempo fa, quando stavo imparando a seguire, ho dovuto ricevere un Maestro come me, che non era visibile ai miei occhi, a fronte di circostanze molto gravi nel mondo. Il mio popolo fuggiva da una sconfitta della nostra nazione, e tutti noi ci stavamo dirigendo verso un’altra terra nell’area del Mediterraneo. Ma un Maestro apparve e disse: “No, voglio che torniate nel mezzo di coloro che vi inseguono”. Pensai che fosse una follia. Mi sembrava una morte certa, ma sentivo che non potevo rinnegare il Maestro, non solo per la mia riverenza verso il Maestro, ma perché sapevo di doverlo seguire. Mi girai e tornai indietro. Gli eserciti all’inseguimento non mi videro nemmeno. Li ho attraversati come un coltello attraversa l’acqua. Non ero invisibile; non avevo poteri magici, ma non mi sono esposto inutilmente. Fu una buona cosa che fossi tornato indietro, altrimenti sarei stato annientato, perché quelli con cui stavo fuggendo furono catturati e giustiziati. Nessuno si aspettava che tornassi. Pertanto, la mia fuga passò inosservata. Tornai nella mia vecchia città, dove mi rifugiai e lasciai che le acque si calmassero. Poi iniziai la mia preparazione con il mio Maestro. Poiché ero un medico, potevo praticare il mio mestiere sotto il nuovo governo con un certo grado di licenza e libertà. È lì che ho iniziato a insegnare la Conoscenza perché seguivo la Conoscenza.

Chi vorrebbe diventare un maestro quando la tua terra è sottomessa da governanti oppressori? Chi vorrebbe mostrare il proprio potere e ottenere il riconoscimento? Di certo non io, essendo un servo di quella terra. Ho potuto dimorare in quel paese per molto tempo prima di partire. Me ne andai poco prima che i miei nuovi governanti cadessero in mano ad altri conquistatori perché seguivo lo stesso Istruttore. Perché sono stato selezionato e chiamato mentre gli altri non lo erano? Non posso dirlo. Ma ero uno che poteva ricevere, e l’ho fatto. Vedete, anche la mia vita ha un Mistero.

È stato molto tempo fa, molto lontano anche nella mia mente. Ma la mia decisione di voltarmi e di andarmene mi ha dato qualcosa che prima non avevo – mi ha dato fiducia in un aspetto di me stesso. Mi ha dato la fiducia di avere un aiuto nella vita, una forma di aiuto che non avevo previsto. Non ero un uomo religioso, ma avevo una naturale inclinazione a riconoscere e a fidarmi di qualcosa di sostanziale.

Vedete, quando si lascia il mondo, non si scopre ogni cosa: “Ah, è così che stanno le cose!” Semplicemente avete una prospettiva più ampia. Il Mistero continua ad esistere. Sono qui su richiesta dello stesso Istruttore. Sono cresciuto con il mio Istruttore. È diventata più grande mentre la seguivo. Sono diventato più grande mentre la seguivo. Non c’era alcuna ambizione personale in questo. Era una questione di saggezza. La gravità delle circostanze ha solo dato ad essa più credibilità.

Ora parliamo della competenza nell’apprendimento. Nella Via della Conoscenza, poniamo l’accento sullo sviluppo della Conoscenza come punto focale principale. Lo facciamo perché la Conoscenza non è qualcosa che si può definire o che si può indicare e dire: ” È questo”. È il grande mistero della vostra vita. Tuttavia, possiamo parlare dei suoi aspetti che possono essere vissuti e testimoniati direttamente.

Al livello più elementare, la Conoscenza rappresenta la vostra capacità di conoscere, senza deduzioni o ragionamenti di alcun tipo. Rappresenta la capacità di riconoscere il presente, di ricordare il passato e di prevedere il futuro, non come abilità personale, ma come necessità immediata. Se ci pensate, vi renderete conto che alla vostra vita è stata risparmiata una grande difficoltà per il fatto che avete questa capacità. Questa capacità è l’enfasi principale, ma sviluppare coscienziosamente se stessi in modo che la Conoscenza possa emergere in voi significa che dovete cominciare ad affrontare ogni aspetto della vostra vita, ogni cosa che state facendo che è in violazione della vostra natura e ogni cosa che state facendo che è complementare alla vostra natura. Ci vuole molto tempo per sviluppare la Conoscenza. Non seguite la strada facile e veloce. Ci vuole una vita intera, ma prepararsi coscienziosamente significa che la vostra vita è più pienamente utilizzata, con maggiori ricompense e un maggiore contributo agli altri.

Dunque, per prepararvi alla Conoscenza, dovete seguire ciò che ora sapete contro gli eserciti che avanzano, che nel vostro caso sono principalmente i vostri pensieri che avanzano. Questi sono i vostri persecutori: i vostri pensieri, le vostre paure e le vostre esigenze incontestabili per la vostra felicità. Qui non rinunciate a nessun potere, rinunciate solo alle supposizioni. Non seguite; vi unite. C’è una differenza. Il solo seguire è insensato e senza scopo, ma unirsi per seguire significa partecipare e cooperare. Qui la vostra azione è complementare all’azione degli altri. Qui la vostra capacità è richiesta, riconosciuta e rafforzata. È un guadagno immediato per voi.

Quindi, non diventate perfetti; diventate semplicemente disponibili e svincolati. Allora la vostra vita non è più frenata da circostanze estenuanti che violano il vostro vero scopo. Avete raggiunto un luogo di semplicità. Quando mi è stato chiesto di tornare, non mi sono seduto a pensare alle conseguenze. L’ho fatto e basta, ed è stata una buona cosa. Se ci avessi pensato, beh, ci sarebbe stato un risultato diverso. Il Maestro è apparso. “Torna indietro!” Sono tornato indietro. Il Maestro è apparso di nuovo. “Fai questo!” L’ho fatto. Il Maestro è apparso di nuovo. “Fai questo!’. L’ho fatto. Ho fatto quelle cose non perché il Maestro fosse grande. Non sapevo quasi nulla del Maestro. È stato perché ho risposto. Era il mio cuore che diceva “Sì”. Non ho cambiato i venti. Non ho portato la pioggia. Non ho oscurato il sole. Non ho distrutto i miei nemici. Non ero un maestro, e così il mondo mi ha lasciato solo a fare il mio vero lavoro.

Essere uno studente della Conoscenza significa che si impara a diventare una persona unica, non più un intero gruppo di persone. Avrai un quadro di riferimento dentro di te e una vera risposta a quel quadro di riferimento. Questo è del tutto naturale. Non c’è alcuna imposizione di struttura sulla vostra vera natura. C’è solo una struttura temporanea nella vostra vita esteriore per aiutarvi a recuperare questa capacità. La Conoscenza vi re-impegna con la vita così com’è realmente. Vi re-impegna con il vostro scopo per cui siete venuti al mondo. È una nuova esperienza di vita, davvero.

Diventare svincolati richiederà un grande sforzo. Qui non rinunciate a tutto e andate a sedervi su una montagna. No! Semplicemente cominciate a dire la verità sulla vostra vita, seguite la verità al meglio delle vostre capacità e lasciate che la vostra vita si apra. Non è uno stato passivo. Poi forse un giorno arriverà qualcuno e vi dirà: “Sei un grande maestro” e voi direte: “Oh”, per niente sicuri che vi piaccia il suono di questa frase. Puoi diventare un maestro maestro perché sei bravo a parlare o a relazionarti con gli individui. Puoi diventare un maestro musicista perché sei bravo con il tuo strumento. Si può diventare un maestro atleta o un maestro in questo o in quello. Questo è diverso. Questo è semplicemente essere bravi in una determinata specialità.

La difficoltà principale è che le persone hanno paura della loro stessa Conoscenza perché hanno costruito una vita senza di essa e contro di essa sotto molti aspetti. Non vogliono sapere veramente. Hanno paura che la loro Conoscenza li derubi della loro felicità, gli porti via le loro sicurezze, gli tolga il controllo, i loro obiettivi e le loro ambizioni e li porti in qualche situazione pericolosa e rischiosa. È tutta paura, paura, paura. È tutta paura di Dio – è tutto qui – ma la gente non dice: “Oggi sono infelice perché ho paura di Dio”. Non dite questo, vero? “Sono depresso. Ho paura di Dio”.

La Conoscenza è così armoniosa. È così bella. È così pervasiva. Se vi aprite anche solo un po’, comincerà ad emanare da voi come una dolce fragranza. Nutre tutti quelli che ti circondano. La gente viene da te e non sa nemmeno perché. Non sembri necessariamente diverso. Forse hai smesso di indossare quelle buffe scarpe, o ti sei sistemato un po’. Non sai perché sono lì. Non sanno perché sono lì. Ospiti in te qualcosa di più grande. La tua vita è in questo momento, non perché l’hai pianificata in quel modo, ma semplicemente perché gli lasci lo spazio per entrare.

Le persone che cercano di ottenere tutto dalla vita possono ottenere ciò che vogliono, ma non saranno soddisfatte. Allora, il loro unico modo per ottenere la libertà è la delusione, una profonda delusione. Diventare studenti è una grande cosa. È molto importante. Ci sono pochissimi veri studenti in giro. Molte persone vogliono risultati immediati. “Lo voglio adesso! Non sanno cosa vogliono, ma lo vogliono immediatamente. Almeno sanno di non averlo, anche se non sanno cosa sia.

Diventare studenti significa essere disposti a seguire ed essere responsabili del proprio seguire e orientarsi verso la propria preparazione. Questo richiede disciplina e coerenza. È uno stato lodevole. Il vostro ruolo nel vostro sviluppo è piuttosto piccolo. Dovete solo seguire la preparazione man mano che la scoprite. Quando la preparazione dice: “Gira a destra qui”, tu giri a destra lì. E se apri una pagina e ti dice: “Meglio uscire da questa situazione in cui ti trovi”, lo fai! Non perché la preparazione è un libro sacro, ma semplicemente perché dentro di te sai che così deve essere. Se la Conoscenza viene esercitata, diventa potente e pervasiva. Non è però la tua Conoscenza. La gente dice: “Bene, io ho la mia Conoscenza e tu hai la tua Conoscenza”. Quello che dicono è: “Io ho la mia interpretazione e tu hai la tua”. Non esiste una Conoscenza individuale.

L’importante è imparare ad imparare. Se ci riesci, ti diplomerai da questa vita con vero successo, imparando come si impara. La nostra preparazione per gli studenti è molto specifica. Sviluppa le qualità essenziali nell’individuo e fornisce le linee guida in modo che le persone smettano di farsi del male abitualmente. Vi dà l’opportunità di uscire allo scoperto, di diventare svincolati abbastanza a lungo da dare valore alla vostra libertà.

La vostra Conoscenza è sollecitata ripetutamente come una risorsa che dovete scoprire e sviluppare. La vostra capacità di esprimere la Conoscenza nelle situazioni più comuni è incoraggiata. Dovete essere una persona abbastanza costante da mantenere una pratica quotidiana, che ha un effetto stabilizzante sul resto della vostra vita e dei vostri affari. Iniziate ad ascoltare invece di parlare così tanto. iniziate a guardare invece di proiettare. Iniziate a sentire invece di pensare così tanto. Vi si presentano relazioni di vero valore e siete incoraggiati ad agire laddove è necessario agire nella vostra vita. Imparate a guidare e imparate a seguire, perché ogni leader è un seguace appassionato. Vedete, non ci sono leader nel mondo. Se seguite, sarete voi a guidare. Se non seguite, seguirete senza sapere che state seguendo. C’è qualcuno che vi tira, e voi tirate qualcun altro. Così vanno le cose. Avete una grande quantità di assistenza a vostra disposizione, se cominciate ad andare nella direzione in cui la vostra vita è destinata ad andare. Se cercate di andare in un’altra direzione, vi sembrerà di farlo da soli.

Ci sono cose a cui dovete applicarvi in modo molto specifico, perché ci sono due aspetti della vita: Ci sono realizzazioni concrete e c’è il Mistero. Dovete affrontare entrambi. Il Mistero vi apre a un’assistenza maggiore di quella che potreste fornire a voi stessi e vi evita di condannare le circostanze. Applicandovi alle cose tangibili, potete recuperare il rispetto di voi stessi e costruire delle fondamenta salde e sicure. È a questo che serve la crescita personale per costruire le fondamenta della Conoscenza. Quale altro valore ha? La persona che state cercando di migliorare sarà tolta come un indumento quando ve ne andrete. Man mano che diventerete stabili, allora potrete rappresentare qualcosa di più grande. Senza Conoscenza, siete ancora profondamente confusi e soggetti a miserie. Senza scopo, significato e direzione, la vostra vita è ancora un evento disperato.

Quando pensate alla vostra preparazione spirituale, non pensate alla maestria, ma alla competenza. Con la competenza, siete in grado di funzionare e di essere coinvolti nella vita quotidiana, sia che siate felici o tristi, sia che le circostanze siano buone o difficili. È come la differenza tra una luna di miele e un matrimonio. Quando le persone scoprono i loro Insegnanti Interiori, spesso entrano in una sorta di fase di luna di miele per un lungo periodo di tempo. È tutta una questione di esperienze meravigliose e di intermezzi romantici! Naturalmente, gli Insegnanti danno semplicemente la loro benedizione a volte, mentre gli studenti sono estasiati da se stessi. Ma se gli studenti persistono, cominciano ad instaurare un vero rapporto con la vita e iniziano a lavorare insieme per un lungo periodo di tempo. Questo si chiama costruire fondamenta. Non è affascinante, ma è talmente vitale e rinvigorente per la vostra vita. Se avete un fondamento, allora potete fornire un fondamento per gli altri, perché ciò che la maggior parte delle persone cerca è un fondamento. Poi, su questo fondamento si può costruire qualcosa che non è stato progettato da voi. Dovete costruire le fondamenta, ma ciò che è costruito su di esse, è Dio che costruisce.

Noi insegniamo un approccio molto pratico alla vita e spesso, anche se questa è una formazione spirituale, è necessario per noi despiritualizzare le persone. La vostra ricerca di Dio deve essere costruita su una vita di successo nel mondo. Con successo non intendo dire che siete ricchi e famosi. È semplicemente che la vostra vita nel mondo è sufficiente, e voi costruite su questo. Il Piano degli Insegnanti richiede lo sviluppo di studenti che hanno delle fondamenta, perché sono in grado di dare. La loro vita non consiste nel cercare di soddisfare tutti i loro grandi bisogni, perché lì non c’è soddisfazione. I loro bisogni sono soddisfatti a sufficienza, quindi sono in grado di contribuire a qualcosa di più grande. Di conseguenza, sono nella posizione di ricevere qualcosa di più grande.

Ora, è molto difficile approcciare la Conoscenza e la Maestria da un punto di vista logico, perché quando tentate di essere logici riguardo alla Conoscenza, non avete più la Conoscenza. Avete la vostra logica. Quando si applica una certa prospettiva alla Conoscenza, si ha la propria prospettiva. Si sperimenta la Conoscenza individualmente secondo la propria prospettiva, ma la Conoscenza è al di là della propria prospettiva. Il grande punto di svolta nella vita è quando lasci che la tua vita sia guidata da qualcosa che non puoi capire ma che puoi seguire con tutto il cuore. Questo è ciò che rende grande il mondo.