Esercitare la Tua Autorità


Exercising Your Authority

Rivelato al Messaggero di Dio
Marshall Vian Summers
il 26 Settembre, 1995
in Boulder, Colorado

Informazioni riguardo a questo testo


Quello che state leggendo in questo testo è la trascrizione della voce originale della Assemblea Angelica così come ha parlato tramite il Messaggero Marshall Vian Summers.

Qua, la comunicazione originale di Dio, che esiste al di là delle parole, è tradotta nel linguaggio e nella comprensione umana dall’Assemblea Angelica che veglia sul mondo. Poi l’Assemblea consegna il Messaggio di Dio tramite il Messaggero, dopo di che, la comunicazione è trascritta e resa disponibile a voi e a tutto il mondo.

In questo notevole processo, la Voce della Rivelazione sta parlando di nuovo. La Parola e il suono della Voce sono nel mondo. Possiate voi essere i destinatari di questo dono di Rivelazione e possiate essere aperti a ricevere il suo Messaggio unico per voi e per la vostra vita.


Commenta‘Esercitare la Tua Autorità’ nel Worldwide Community Site (registrazione gratuita)

Exercising Your Real Authority


Nota per il Lettore:
Questa traduzione è stata fornita a The Society da uno studente del Nuovo Messaggio che si è offerto volontario per tradurre il testo originale in Inglese. Noi rendiamo questa traduzione disponibile al mondo in questa forma iniziale affinché le persone abbiano la possibilità di interagire con una porzione del Nuovo Messaggio nella propria lingua.

Il Creatore ti ha dato autorità sugli affari della tua vita. Questa autorità si estende a ciò che pensi e a ciò che fai, alle tue decisioni e ai risultati di queste decisioni.

Il Creatore ti ha dato il potere di diventare il capitano della tua nave. All’interno di questa sfera di responsabilità, sei esortato ad esercitare la tua autorità e ad imparare a gestire con saggezza il tuo pensiero e i tuoi affari.

Il Creatore sapeva che non avresti potuto farlo da solo senza la guida Divina dentro di te, così il Creatore ti ha dato La Conoscenza – la Mente superiore dentro di te, una Mente che abita al di là della portata del tuo intelletto, al di là della tua comprensione, ma non al di là della tua esperienza. Questa è la più grande di tutte le doti, e questa è la fonte della tua autorità.

Il Creatore ti diede questo potere in modo che tu potessi imparare a diventare forte e responsabile, e che tu potessi trovare la strada dell’unione dentro di te e i mezzi per unirti agli altri.

Il Creatore si rese conto che avevi bisogno di dimostrare la tua forza e la tua autorità per recuperare la tua identità e per realizzare e compiere la tua missione nel mondo. Se ti affidassi al Creatore per tutte queste cose, non riacquisteresti mai questa autorità e non riacquisteresti mai la tua vera capacità o la tua vera funzione nella vita.

Fin dall’inizio dell’apprendimento e del vivere La Via della Conoscenza, devi iniziare a esercitare questa autorità. Questo si sperimenta di solito attraverso il potere decisionale, che sei chiamato a esercitare e che sei incoraggiato a usare. Qui molte persone si fermano perché hanno paura di non poter prendere una decisione saggia. Le loro decisioni in passato li hanno messi in una tale difficoltà e hanno dato loro tali tribolazioni che non possono fidarsi delle loro stesse decisioni.

Ma qui, nonostante molti errori passati, nonostante l’autoinganno e la volontà di permettere agli altri di ingannarti, devi ripartire da zero; devi ricominciare da capo. Qui sei incoraggiato ad assumerti la responsabilità di ciò che devi fare.

Quando qualcuno si avvicina alla Via della Conoscenza e comincia a leggere la Via della Conoscenza e i libri della saggezza, sta già esercitando questa autorità. Dice a se stesso: “Sceglierò questo materiale per leggerlo e per comprenderlo. Farò un tentativo di comprendere e di sperimentare ciò che questi grandi libri della Saggezza mi forniscono”. Si tratta di un atto di esercizio dell’autorità in misura molto limitata.

E prima ancora che qualcuno arrivi alla Via della Conoscenza, ha dovuto esercitare questa autorità nel prendere un nuovo impegno per la verità, nel prendere un nuovo impegno di onestà, nel prendere un nuovo impegno di scegliere una via che non lo danneggerà e lo condurrà lontano dal pericolo, dal conflitto e dalla tribolazione.

L’esercizio di questa autorità, dunque, è cruciale in ogni fase del tuo sviluppo. Anche prima di arrivare alla Via della Conoscenza, hai esercitato questa autorità per tuo conto. Forse continui ancora a seguire la volontà della tua mente personale in tutta la sua avventatezza e la sua febbrile ricerca. Ma per arrivare alla Via della Conoscenza, hai già esercitato la tua vera autorità e hai scelto di non seguire le false autorità che hai attribuito a te stesso o che hai attribuito ad altri.

Il tuo scopo e la tua missione più grande nella vita possono solo essere conosciuti. Coloro che ti hanno mandato nel mondo possono solo essere conosciuti. La natura e la realtà del Creatore possono solo essere conosciute. La tua vera natura e realtà possono solo essere conosciute. Ecco perché devi imparare la Via della Conoscenza, perché le risposte a tutte le grandi domande della vita, la soddisfazione di tutti i bisogni autentici della vita, sono fornite attraverso La Conoscenza, perché possono solo essere conosciute, e possono solo essere sperimentate.

La Conoscenza ti porterà a questa esperienza, passo dopo passo, e La Conoscenza ti permetterà di riacquistare la tua forza, la fiducia in te stesso e il rispetto di te stesso, permettendoti di esercitare la grande autorità che ti è stata data.

Non puoi restituire al Creatore un miserabile disgraziato. Non puoi tornare al Creatore in uno stato di bisogno spirituale. Devi diventare forte. Devi diventare guidato interiormente. Devi riguadagnare il rispetto di te stesso e la fiducia nella Conoscenza.

Qui ti allontani dalla falsa autorità che hai dato a te stesso pensando di poter guidare e definire la tua vita attraverso i tuoi desideri, le tue paure e le tue ambizioni. Qui ti allontani da ogni falsa autorità che hai attribuito ad altri, quando hai ceduto la tua autorità.

Invece, vieni alla Conoscenza. Vieni perché sai che devi venire. Fai questi passi perché sai che devi avanzare. Ti allontani dal passato perché sai che devi allontanarti dal passato. Vieni alla Via della Conoscenza perché sai che è la risposta ai tuoi bisogni.

Questa è la via. L’unica risposta è imboccare la via, seguire i Passi verso La Conoscenza. Quale altra risposta potrebbe esserci? Per ripristinare il tuo vero scopo, la tua vera natura e identità, devi fare i Passi verso la loro realizzazione. Questa è l’unica risposta che sia una risposta. E per fare questi Passi, devi esercitare la tua autorità.

All’inizio, le persone hanno grandi difficoltà nel cercare di praticare questa idea di esercitare la loro autorità. Penseranno che l’esercizio della loro autorità sia la garanzia di avere tutto ciò che vogliono e che eviteranno ogni tipo di delusione. Non vorranno negare alcun aspetto di loro stessi. Non vorranno voltare le spalle a nessun desiderio.

Ma questo non è esercitare la tua autorità. Questo è semplicemente essere schiavi dei tuoi impulsi. Questo è essere un seguace dell’autorità che hai dato ai tuoi desideri, alle tue paure, alle tue ambizioni o ai desideri, alle paure e alle ambizioni degli altri.

La tua autorità qui è La Conoscenza e solo La Conoscenza. Questa è l’unica vera autorità che hai. Questo è l’unico vero potere che hai. La tua Conoscenza contiene la memoria e i mezzi per recuperare la tua vera capacità, per riconoscere la tua missione nella vita e per trovare i mezzi per la sua realizzazione. Nient’altro può contenere questo per te.

I tuoi desideri non possono contenere questo per te. Le tue paure non possono contenere questo. Le tue ambizioni non possono contenere questo. Esse conducono in un’altra direzione. Esse ti portano a dare il tuo potere ad altre autorità e a diventare loro schiavo, nella convinzione che non sarai felice senza tentare di realizzare queste cose per te stesso.

Ma una volta che un uomo o una donna arriva alla Via della Conoscenza, hanno già imparato che c’è uno scopo più grande che li muove, e non possono prendere la via più facile di essere semplicemente uno schiavo o un servo dei propri pensieri, delle proprie emozioni o delle proprie convinzioni. Hanno visto i grandi danni e i disastri che essi hanno creato nella loro vita, il grande spreco e l’usurpazione della loro vita e della loro energia vitale.

Ora si rendono conto che c’è qualcosa di più grande, che va oltre queste semplici cose a cui tutti si dedicano. Hanno un destino superiore. E così cominciano ad esercitare la loro vera autorità nello scegliere la via della verità, e la via della verità li porterà alla Via della Conoscenza.

Tu hai una grande autorità dentro di te. Non hai bisogno di fare appello al Creatore o alla Schiera degli Angeli. Non hai bisogno di fare appello a poteri misteriosi nella Comunità Più Grande dei mondi. Hai bisogno di tornare a casa da te stesso, non al sé che è stato condizionato e creato attraverso la tua esperienza di essere nel mondo, ma al Sé superiore che hai portato con te nel mondo dalla tua Antica Casa. Questo contiene la tua autorità. Qui risiede la tua forza e il tuo significato.

Ora le persone dicono: “Bene, come posso decidere che cos’è la mia vera autorità e cosa non è la mia vera autorità? Ho sentimenti così forti. Ho dei bisogni così forti e compulsivi. Sono spinto a fare questo e a fare quello. Sono così preoccupato per altre cose”.

E io dico che la tua vera autorità parlerà in modo molto silenzioso e coerente. Non discute. Non dibatte. Non sceglie le opzioni. Non fa accordi. Non cerca solo ciò che sembra redditizio o vantaggioso.

Se vai contro la tua autorità, sentirai un grande disagio dentro di te. Sentirai che qualcosa non va in una parte molto profonda di te stesso. Questo indica che La Conoscenza è con te e che stai andando contro di essa.

Questo è diverso dalla paura e dall’ansia che preoccupano la mente a livello superficiale della mente. Stiamo parlando di qualcosa di molto profondo e pervasivo. Hai avuto questa esperienza di andare contro La Conoscenza. Hai avuto questa esperienza molte volte. Forse prima non ne eri consapevole sul momento, ma ora puoi diventarne consapevole sul momento.

Uno dei modi in cui trovi La Conoscenza è andando contro di essa e sperimentando come ti senti nella tua mente e nel tuo corpo: questo senso di disagio e di alienazione. Qui La Conoscenza non ti criticherà. Si ritirerà e rimarrà in silenzio, perché non conosce condanna. Se la sua raccomandazione o la sua influenza non può essere percepita e accettata, deve semplicemente aspettare fino a quando potrai ritornare di nuovo.

Per questo non ci potrà mai essere un Dio vendicativo o un Creatore adirato. Poiché La Conoscenza rappresenta la Volontà e l’Intelligenza del Creatore, essa dimostra come il Creatore funziona in te e nella vita.

Poiché le persone hanno dato la loro autorità a idee estranee e a poteri lontani, pensano che tutto ciò che ricevono o per cui soffrono proviene dal Creatore o da qualcun altro, da qualche altra persona, da qualche autorità o da qualche forza divina.

Non si rendono conto di essere responsabili della gestione della propria nave. Devono uscire a pulire i ponti. Devono srotolare le vele. Devono riparare il sartiame. Devono governare la nave. Devono manutenere lo stato del loro veicolo, cioè la loro mente e il loro corpo.

Qui finisce la loro responsabilità, perché non sono responsabili del viaggio. Non sono responsabili del loro destino. Non sono responsabili della loro origine. E non sono responsabili della creazione del carico speciale, del contributo reale che hanno a bordo della nave.

Pensaci bene. Comprendi quale grande responsabilità ci sia nella gestione e nel mantenimento della propria nave con saggezza e autorità. È una sfida che pochi al mondo hanno affrontato in modo adeguato. Mantenere la propria nave in qualità di capitano della propria nave in modo che il proprio viaggio possa essere compiuto è qualcosa che pochissime persone hanno realizzato.

Ma può essere realizzato. Realizzare questo è il compito che ti è stato assegnato. Devi essere su quella nave. Devi salpare. Il Creatore guiderà la nave attraverso le forze superiori che ti colpiscono, ma tu devi preparare la tua nave a salpare. Alla fine devi lasciare il porto e dirigerti verso il largo. Devi gestire la tua nave. Devi preservare te stesso. Qui eserciti continuamente la tua autorità e, così facendo, onori la Fonte della tua autorità.

Questo è adorare il Creatore, non cadendo in ginocchio, non offrendo infinite richieste di supplica, non presentando la tua lista dei desideri, ma diventando responsabile della tua vita in modo che la tua nave possa fare un viaggio superiore e consegnare il suo carico speciale, il suo contributo superiore nel mondo. Qui onori la tua realtà, la realtà del Creatore e la realtà di tutti coloro che qui dimorano.

In questo momento gli Unseen Ones, che sono gli Angeli del Creatore, che sono i tuoi veri Maestri, stanno cercando di preparare la tua nave a salpare. Forse pensi di essere già in navigazione, ma forse stai girovagando per il porto. Non ti sei ancora avventurato in mare aperto.

Questo è un tipo di viaggio diverso dal semplice vagare per il mondo sperando o credendo che qualcuno o qualcosa ti stia guidando. Questo è un tipo diverso di viaggio rispetto al semplice sperimentare questo o quello, o entrare e uscire dalle relazioni, o provare tutti i tipi di insegnamenti spirituali, o leggere un sacco di libri sulla spiritualità o sulla psicologia.

Questo non è navigare in mare aperto. Per navigare in mare aperto, la tua nave deve essere preparata. Il tuo equipaggio, che rappresenta i tuoi pensieri primari, deve essere in armonia e deve riconoscere e servire la tua autorità. Le tue vele, che sono le tue capacità, devono essere preparate. Devi avere tutte le tue provviste. Il tuo equipaggio deve essere pronto.

Tutto deve essere preparato, perché questo non è un viaggio temerario. Non è un viaggio di volontà, di desiderio e di impulso. Non è un viaggio che fai pensando che non ti può accadere nulla di male e che qualcuno si prenderà cura di ogni cosa al posto tuo, perché non puoi fare questo viaggio se sei in uno stato di bisogno o se hai una visione assistenziale del tuo rapporto con il Divino.

Qui invece il Divino ti affida la missione, un viaggio più grande nella vita. Invece di pensare che il Creatore farà tutto al posto tuo e ti fornirà ogni opportunità e ti salverà da ogni problema o da ogni sfida, ti rendi conto che è il contrario. E pensi: “Oh, mio Dio, che responsabilità! Non sono sicuro di poterlo fare!”.

Ma puoi farlo perché La Conoscenza vive dentro di te e perché sei venuto al mondo per uno scopo. Sei venuto nel mondo per impegnarti con determinate persone per realizzare alcuni aspetti del Piano Superiore. Questi non ti sono ancora noti.

I tuoi pensieri su di essi non possono contenere la loro realtà, perché devi fare il viaggio verso la loro realizzazione. Devi trovare quelle persone speciali. Devi impegnarti in quelle attività specifiche. Devi avventurarti in mare aperto – oltre il porto dei tuoi pensieri, oltre il porto delle convinzioni sociali e delle comodità. Devi andare mentre tutti gli altri rimangono indietro nel degrado o nel tentativo di negoziare la vita senza il reale fondamento della loro autorità.

Qui salpi, guardando indietro dove tutti restano. Perché pochi possono lasciare il porto della sicurezza personale e delle convinzioni personali. Lì sono tutti legati. Hanno delle navi, ma non possono salpare. Hanno equipaggi, ma gli equipaggi non saliranno a bordo. Hanno le vele, ma non possono essere riparate e rese funzionali. Hanno provviste, ma non possono portare queste provviste sulla loro nave.

Sono nella confusione. Non giudicarli, perché tu stesso hai vissuto così. Ora stai imparando quanta forza e quanto coraggio ci vuole per diventare capitano della tua nave, per ricostruire la tua nave, per preparare la tua nave e per ottenere le provviste e l’equipaggio necessari.

È esercitando l’autorità che avrai compassione per coloro che non possono o non vogliono, perché vedrai che è una grande prova. Ma è di questa grande prova che hai così tanto bisogno. Ne hai tanto bisogno per trovare la tua forza, per diventare un uomo o una donna di Conoscenza, per diventare una persona che ha una missione e un destino superiore nella vita.

Non puoi prendere la via più facile, la via più comoda. Non puoi rimanere con le idee popolari o le convinzioni confortanti. Non puoi stare tutto il giorno a raccontare cose piacevoli a te stesso, rassicurandoti, giustificandoti per gli errori, evitando difficoltà e spiacevolezze.

Le persone che rimangono in porto stanno tutte aspettando che qualcun altro lo faccia per loro. Vogliono essere l’equipaggio, non il capitano. Non vogliono dover fare così tanto. Ma si aspettano di essere grandi e di avere molto. Vogliono qualcosa in cambio di niente. Vogliono che il loro scopo, il loro significato, la loro direzione e il loro destino siano rivelati loro, ma non faranno il viaggio in cui queste cose diventano manifeste ed evidenti. Non eserciteranno la loro vera autorità.

Abbiate compassione. Non condannateli. Perché quando vedrete quanto è difficile e vitale reclamare questa autorità primaria ed essenziale, capirete, e cercherete di aiutare gli altri a trovare questa autorità col tempo. Ma prima dovete rivendicarla per voi stessi, e dovete esercitarla a sufficienza affinché la vostra nave possa prepararsi a lasciare il porto.

La gente qui potrebbe dire: “Oh, mio Dio, non posso fare un viaggio del genere da solo. Sarebbe troppo per me!”. Non farai questo viaggio da solo. Gli Unseen Ones resteranno con te. E la tua nave si unirà ad altre navi. E troverai la tua direzione. Se resterai nel porto cercando di scoprirla, di pianificarla o di ipotizzare ciò che potrebbe essere, non lo saprai mai. Non la troverai mai.

Devi fare il viaggio. Allora saprai qual è il viaggio. Allora saprai cosa stai cercando. Allora saprai cosa devi portare a termine.

Qui devi essere disposto ad essere un principiante, perché sei un principiante. Tutti sono principianti nella Via della Conoscenza, indipendentemente da ciò che credono o pensano di aver fatto o raggiunto. Tutti sono principianti nella Conoscenza, perché per iniziare bisogna essere principianti.

Se pensi di sapere già, se pensi di capire già, e dai così tanto credito alle tue idee e alle tue supposizioni, allora non lascerai mai il porto. Non salirai nemmeno a bordo della tua nave. Farai il viaggio nella tua mente, ma non nella realtà.

Nello studio della Via della Conoscenza, le persone sono incoraggiate ad esercitare la loro autorità ad ogni passo – non l’autorità della loro volontà, non l’autorità dei loro desideri, o delle loro ambizioni, ma l’autorità della Conoscenza stessa.

Nello studio della Via della Conoscenza, le persone sono incoraggiate ad esercitare la loro autorità ad ogni passo – non l’autorità della loro volontà, non l’autorità dei loro desideri, o delle loro ambizioni, ma l’autorità della Conoscenza stessa.

Per leggere i libri della Saggezza, stai esercitando la tua autorità. Anche se pensi che ti daranno qualcosa, eserciterai questa autorità perché ti stai orientando nella giusta direzione. Anche se pensi che essi realizzeranno le tue ambizioni e ti daranno ricchezza, abbondanza, amore, relazioni, felicità; anche se hai una mentalità assistenziale, ti stai comunque orientando nella giusta direzione.

Quando fai un viaggio, quando sei in mare aperto, devi essere rivolto nella giusta direzione. Non pensare che qualsiasi direzione prenderai ti porterà a destinazione. Le persone che si aggirano per il porto fanno questa supposizione. Pensano: “Bene, ognuno troverà il suo destino. Noi stiamo bene qui dove dobbiamo stare!”. Ma non stanno andando da nessuna parte, pagando un caro prezzo, con grande sforzo.

Devi avere la direzione giusta. Quando leggi i libri della Saggezza, vai nella giusta direzione. Quando decidi di iniziare lo studio dei Passi verso La Conoscenza, anche se pensi che ti darà tutto quello che vuoi, anche se stai ancora aspettando il dono gratuito dal Divino, sei comunque orientato nella giusta direzione.

La Conoscenza sa che le tue motivazioni non sono ancora pure. La Conoscenza sa che sei ancora oppresso e gravato dalla convinzione di dover realizzare tutte le tue ambizioni per essere felice. La conoscenza sa che sei così oppresso, ma ti sgraverà. Ti libererà. Ti porterà dall’essere un umile mozzo ad essere il capitano della tua nave. E lo farà senza infonderti alcun sentimento arrogante, perché quando sarai il capitano della tua nave, ti renderai conto che ti affidi alla Conoscenza e che sei parte di qualcosa che trascende la tua comprensione. Allora sarai rispettoso, sarai umile, ma sarai forte.

Su questa base, il Creatore può affidarti la tua missione nella vita. Ma questa non può esserti affidata finché non sarai pronto. E per prepararti, il Creatore ti ha dato i Passi verso La Conoscenza e i Libri della Saggezza.

Ogni passo che fai in Passi verso La Conoscenza, ogni pratica che intraprendi, è un atto di esercizio della tua autorità. È attraverso l’esercizio di questa autorità che ti renderai conto della tua forza, che ti renderai conto della fonte della tua forza, che capirai che non stai semplicemente realizzando i tuoi desideri o le tue ambizioni.

Capirai che stai onorando qualcosa di grande, più grande anche del mondo, qualcosa che è libero nel mondo, che non può essere dominato o manipolato dai desideri o dalla volontà degli altri, o anche dalle macchinazioni dei governi o persino di chiunque altro nella Comunità Più Grande dei mondi.

Tale autorità è dentro di te. Ma devi esercitarla per rendertene conto. Non puoi semplicemente crederci o fare grandi ipotesi su di essa o sperare che faccia tutto per te e che tu possa vagabondare attraverso la vita come un bambino indifeso.

No, devi farti carico dei tuoi affari. Devi organizzare il tuo pensiero. Devi cominciare ad occuparti dei Quattro Pilastri della tua vita – il Pilastro delle Relazioni, il Pilastro del Lavoro, il Pilastro della Salute e il Pilastro del tuo Sviluppo Spirituale. Perché questi fanno parte delle tue responsabilità.

Per salpare verso il mare aperto, devi avere relazioni che ti sostengano e che siano in armonia con la tua missione superiore. Il tuo lavoro deve supportare la tua capacità di essere uno studente. E devi essere in grado di esercitare la saggezza nelle tue decisioni. Devi avere una salute mentale e fisica sufficiente ad affrontare un viaggio di questo tipo. E devi prepararti nella Via della Conoscenza per far progredire il tuo sviluppo spirituale in modo reale e autentico.

Lo sviluppo di questi Pilastri non è qualcosa che si realizza tutto in una volta. Si realizza passo dopo passo, e ad ogni passo che fai, eserciti questa autorità. E ogni volta che la eserciti, questa autorità diventa un po’ più forte, rivelando un po’ di più la sua realtà e la sua natura.

In questo modo le tue capacità e le tue inclinazioni più profonde ti vengono rivelate, e impari ad accettarle e ad utilizzarle in modo efficace e appropriato. Qui riconosci i rischi e i pericoli del fare ipotesi errate, del diventare impazienti e del tentativo di affrettare il passo, del cercare di colmare le lacune della tua comprensione con le idee che preferisci.

Invece, impari a diventare paziente. Impari a essere tollerante. Impari a lasciare che la tua comprensione, il tuo intendimento, sia incompleto perché è incompleto.

Qui fai amicizia con l’ignoto e impari a convivere con il mistero della tua vita, mentre prima non potevi tollerare l’incertezza. Tutto doveva essere definito. Tutto doveva essere organizzato. Hai riempito tutti gli spazi con idee convenzionali e credenze di comodo. È su questa falsa comprensione che hai basato il tuo senso di certezza e la tua identità.

Ma queste ti hanno deluso, perché potevano solo deluderti. Ora ti rivolgi all’autorità superiore, all’identità superiore che vive dentro di te e che ha atteso il tuo arrivo per così tanto tempo.

Segui i Passi della Conoscenza. Utilizzi la tua pratica. Impari a lavorare sui Quattro Pilastri della tua vita, portando La Conoscenza nel tuo processo decisionale, facendo appello alla Conoscenza negli altri, costruendo relazioni forti che possono incarnare La Conoscenza e ti allontani da coloro che negano La Conoscenza o che non possono supportare La Conoscenza.

Qui stai preparando la tua nave a salpare, perché in questo viaggio puoi portare con te solo ciò che è essenziale e necessario per la missione stessa. Non puoi portare tutti quelli che ami, non puoi portare tutto ciò che ti piace, non puoi portare tutte le cose in cui credi, non puoi portare tutti i tuoi ricordi – perché la tua nave non potrà contenerli e non potranno supportare la tua missione. Puoi portare con te solo quelle cose – quelle idee, quei ricordi, quegli atteggiamenti, quelle convinzioni, quegli averi, quelle attività e quelle relazioni – che possono viaggiare con te.

Mentre parlo, puoi cominciare a capire quanto devi esercitare la tua autorità e in che misura devi riconoscere questa autorità e distinguerla dagli altri impulsi della tua mente.

Qui puoi vedere che devi sviluppare una vera e propria base di certezza dentro di te, un impegno verso la vita. Qui devi lasciar cadere certe cose. Qui devi prendere decisioni fondamentali e consequenziali. Qui devi onorare ciò che è conosciuto invece di essere un servo di ciò che si desidera.

Questa autorità ti restituirà il tuo potere e la tua capacità. Ti rivelerà nel tempo le tue vere capacità. Ti porterà quelle relazioni che sono essenziali per il tuo sviluppo e per il compimento della tua missione. Ti spianerà la strada. Ti renderà forte. Ti darà la tua autorità.

Allora i tuoi pensieri, che rappresentano l’equipaggio della tua nave, ti obbediranno. Ti seguiranno. Ti serviranno – perché tu sei l’autorità da seguire, perché puoi esercitare il potere, perché puoi governare ciò che ti viene dato da comandare, che sono i tuoi pensieri, le tue attività e i tuoi affari.

Devi diventare un uomo o una donna di Conoscenza. Niente di meno. Scoprirai che sfida e realizzazione superiore questo sia. E scoprirai quali sono i doni che ti permetteranno di dare agli altri.

E ad ogni passo lungo il cammino, dovrai esercitare la tua autorità. Dovrai abbandonare una mentalità assistenziale. Dovrai rinunciare a così tanti preconcetti, molti dei quali sono largamente diffusi. Dovrai aprire la tua mente e lasciare che la tua mente diventi vuota. Dovrai vivere la vita in modo molto pulito, molto efficiente, molto consapevole.

Ma non è forse questo che realmente desideri? Puoi accontentarti di qualcosa di meno? Puoi rimanere in porto e trovare lì un senso di appagamento? Sei rimasto in questo porto abbastanza a lungo. Hai vagato per il porto. La tua nave è rimasta in secco. Puoi vedere il caos intorno a te.

Puoi guardare oltre e vedere il mare aperto che ti aspetta, che ti chiama. Puoi sentire questo richiamo dentro di te. E puoi sentire la tua inquietudine e renderti conto che non puoi restare dove sei, perché hai persone da incontrare e posti dove andare, e ci devi andare.

Non puoi immergerti nei piaceri, nelle comodità o nei lussi, perché non è per questo che sei venuto al mondo. Non puoi accontentarti di ciò che sembra soddisfare tutti gli altri perché hai una missione, e chi ti ha mandato qui ti chiama per ricordarti che hai una missione e che devi fare i Passi verso La Conoscenza per trovare questa missione e per avere la forza e l’autorità per compierla.

Vieni allora alla vera autorità, non con trepidazione ma con sollievo e con coraggio e con la volontà di scoprire la sua realtà e di esercitare la sua forza.

Vieni come un principiante, realizzando che devi imparare cos’è questa autorità e come può essere espressa con saggezza.

Vieni comprendendo che devi lasciarti alle spalle le tue vecchie idee, le tue vecchie supposizioni e le vecchie definizioni perché non ne avrai bisogno ora, poiché hai trovato la vera autorità nella tua vita. È questa autorità che devi utilizzare per tuo conto per trovare la tua vera integrità e per ricordarti di recuperare i doni che hai portato con te dalla tua Antica Casa per donarli al mondo.